Guardiani della Galassia Vol.2. Un film, tre parole per descriverlo: “Io sono Groot”

Guardiani della Galassia
Il secondo film dall’universo Marvel con l'etichetta Guardiani della Galassia, si riconferma un grande successo grazie a degli eroi “ fuori dall’ordinario” capaci di divertire ed emozionare.

Anche se uscito nelle sale solo il 25 Aprile 2017, Guardiani della Galassia Vol.2 ha già alle spalle grandi apprezzamenti da parte del pubblico: l’uscita nelle sale lo ha portato a raggiungere un record di incassi in sole 24 ore! La formula che ha permesso questo successo incontrastabile è il divertimento. Sì, esatto, proprio il divertimento. Sembra una sciocchezza, ma il regista James Gunn è stato in grado di rendere questo elemento un marchio di fabbrica della serie Guardiani della Galassia, fra battute al limite dell’idiozia e personaggi extra-ordinari, come l’esilarante e pestifero baby Groot che attraverso un sempliceio sono Groot” sembra in grado di emozionare tutti. Il risultato? Lo spettatore è portato nel corso del film a ridere, emozionarsi e alla fine, anche a commuoversi. Certo, probabilmente a livello di regia non è presente niente di particolare, nonostante un budget molto alto: le immagini sono semplicemente caratterizzate dal forte uso del colore, un classico dei film Marvel.

Guardiani della Galassia  V2

La trama è incentrata sul tema della famiglia, dell’amicizia e quindi dei legami: questo è reso evidente fin dai primi minuti grazie all’incontro di Peter Quill/Star Lord con il suo vero padre, Ego. Da qui poi gli eventi che si susseguono prima di arrivare alla decisiva battaglia per salvare per la seconda volta la galassia sono brevi, ma nel mezzo alcuni piccoli episodi ci danno modo di conoscere ancora meglio i diversi personaggi – Gamora, Rocket, Darx, Yondu, Nebula, la nuova arrivata Mantis, lo stesso Peter Quill e, perché no, anche Baby Groot – e vedere i Guardiani della Galassia originari del mondo dei fumetti, tramite l’incontro di Yondu con Stakar. La sceneggiatura è studiata alla perfezione, i momenti di comicità si alternano perfettamente a quelli d’azione. Essa ha inoltre l’ardire di giocare con citazioni di grandi capolavori degli anni ’80 come Supercar, Cin Cin, Howard il papero e addirittura Pac-man…e per questo è degna di riconoscimenti! Forse ciò è possibile anche grazie alla geniale idea di portare proprio David Hasseloff, protagonista di Supercar, all’interno del film tramite una brevissima apparizione e alla sua voce nei titoli di coda, costruiti in maniera geniale perché arricchiti sia da animazioni ed effetti che incarnano l’originalità di Guardiani della Galassia – come credits e frasi che apparivano inizialmente con il caratteristico “Io sono Groot” –, sia dalle 5 scene post credit – tra cui la più divertente vede Groot adolescente – tipiche dei film Marvel.

Guardiani della Galassia Vol.2 è un film che consiglio di vedere, oltre che agli appassionati del genere, a chiunque abbia voglia di passare un po’ di tempo piacevole con amici e famiglia ridendo e vivendo, attraverso questa avventura fuori dall’ordinario, l’importanza dei legami, dell’amicizia e dell’amore.